Cosa tenere a mente prima di scegliere la lettiera del gatto

Hai mai pensato di cambiare lettiera? Molte persone stanno abbandonando le lettiere in argilla a seguito dei problemi ambientali, non sapendo poi effettivamente quale lettiera naturale prendere in considerazione; altri padroni hanno invece bisogno di cambiare lettiera a causa di allergie o altre problematiche.

Per scoprire come scegliere la lettiera che funziona meglio per tutta la famiglia continua a leggere!

Quale lettiera scegliere?

Prima di tutto è fondamentale considerare l’età del gatto. Per gatti che non hanno ancora un anno, consiglio di stare alla larga dalle lettiere agglomeranti, specialmente quelle di argilla. C’è una possibilità che i micini possano ingerire la lettiera. Quelle agglomeranti possono essere abbastanza pericolose se entrano nel sistema digestivo. Esistono alcune lettiere agglomeranti specifiche per gattini; la sabbia è molto più fine, ricorda solo che queste tendono ad essere anche molto polverose.

Padroni di gatti adulti che possono usare qualsiasi lettiera spesso ponderano se usare una lettiera agglomerante o una lettiera in granuli. Quelle agglomeranti tendono ad essere le più popolari in quanto formano piccoli ammassi che possono essere facilmente rimossi con la palettina. Personalmente trovo che quelle in granuli hanno un controllo odori migliore e tendono ad avere un minor tracciamento rifiuti e polverizzazione. Queste tendono ad essere più assorbenti e intrappolano i cattivi odori in modo efficacie.

Visto che queste lettiere non sono agglomeranti, ci vuole un po’ più di lavoro e tempo per tenerle pulite. Inoltre ti ritroverai a doverle cambiare un po’ più spesso rispetto a quelle agglomeranti in quanto sarà impossibile raccogliere con la paletta ogni granulo bagnato. Dovrai perciò buttare tutta la lettiera e rimpiazzarla con una nuova all’incirca ogni due settimane.

Esistono delle lettiere in granuli agglomeranti. I granuli di queste sono molto piccoli e formano degli ammassi leggeri, perfette per tutte quelle persone che vogliono una lettiera di questo tipo ma preferiscono quelle agglomeranti per una pulizia più facile e veloce. Visto che queste lettiere sono molto leggere, tendono a tracciare molto di più rispetto alle classiche lettiere in granuli.

Le lettiere leggere facilitano il movimento del gatto dentro la cassetta. Un tempo avevo una cassetta con l’entrata in alto e una lettiera molto leggera all’interno, nonostante ciò il mio gatto è comunque riuscito accidentalmente a ribaltarla. Ancora una volta tieni a mente che ci sono dei compromessi da fare quando si sceglie una lettiera.

Ti volevo inoltre segnare che ho trovato all’interno del comparatore prezzi petyoo.it una bellissima classifica delle migliori lettiere per il tuo gatto. Dacci un occhio perché ti aiuterà a risparmiare sugli acquisti per il tuo gatto! Questo comparatore è davvero fantastico! 🎉

Come pulire una lettiera biodegradabile?

Quando è ora di pulire una lettiera biodegradabile, puoi comodamente usare la paletta per rimuovere la lettiera sporca. Generalmente la zona bagnata è facilmente individuabile in quanto queste chiazze possono cambiare colore e delle volte estendersi. Raccogli con la paletta i granuli bagnati ma ricorda che raccoglierai con essi anche molti altri granuli asciutti.

Quando raccogli gli escrementi, i granuli devono passare tra le fessure della paletta. Per velocizzare questo lavoro ti consiglio di fare delle grandi palettate. Esistono in commercio palette con buchi piccoli e circolari, perfette per lettiere di questo tipo.

Dopo che hai raccolto i bisogni, aggiungi della nuova lettiera in modo che ci siano almeno 7 cm. Ogni due settimane, butta tutta la lettiera e pulisci la cassetta con quello che vuoi. Riempila di nuovo con 7 cm di lettiera pulita.

Alcune persone preferiscono le fodere igieniche per cassette che in realtà non sono altro che delle buste su misura. Vanno posizionate prima di riempire la cassetta di sabbia. Quando è arrivato il momento di cambiare la lettiera, basta solo chiudere la busta, rimuoverla e il gioco è fatto.

Qual è il miglior tipo?

Trovo che il tipo di materiale sia prima di tutto una preferenza del consumatore. Se mi chiedono consigli, chiedo sempre se qualcuno in casa soffre di qualche tipo di allergia. Alcuni animali hanno allergie al grano e al mais, cosa che rende le lettiere fatte di questi materiali da evitare. Alcune volte ci sono persone in casa che hanno delle allergie alla polvere, per cui lettiere in argilla ad alta polverizzazione potrebbero peggiorare la situazione. Io ad esempio ho un’allergia alle graminacee per questo motivo cerco di evitare le lettiere in erba.

L’odore gioca un ruolo fondamentale nella scelta del materiale.

Il mio coinquilino ha cambiato di recente il tipo di lettiera e ho notato che necessita di pulirla più frequentemente o se no fa cattivo odore.

È giusto quindi pensare anche al tipo di odore che la lettiera stessa produce. Diversi materiali odorano diversamente e alcune lettiere possono anche profumare. Se vuoi una lettiera che non abbia tutto questo profumo, quelle in noce o argilla sono entrambe una buona scelta.

Detto questo, continuo a pensare che la scelta è solo un fattore di preferenze. Ci sono persone che adorano un tipo di lettiera e altre che la odiano e vogliono cambiare. Consiglio sempre ai consumatori di scegliere una lettiera e di provarla. Se non piace può essere sempre restituita in cambio di una lettiera diversa.

Come posso ridurre il tracciamento dei rifiuti?

Prima di tutto, tieni conto del tipo di cassetta che hai scelto. Se la cassetta è scoperta, compra un tettuccio per impedire al gatto di buttare fuori la lettiera. Se hai intenzione di cambiare, esistono molte cassette coperte tra cui scegliere. Puoi anche provare cassette dall’entrata in alto, il gatto infatti dovrà saltare per entrare. Questo tipo di entrata potrebbe acchiappare un po’ della sabbietta prima che raggiunga il pavimento.

Se hai bisogno di aiuto per prevenire questo tracciamento, puoi sempre provare i tappetini per lettiere. Alcuni sono piccoli e devono essere posizionati davanti l’entrata della cassetta, altri invece sono più grandi e la possono circondare.

Se il tuo problema non si risolve, prova a cambiare lettiera. Lettiere biodegradabili, specialmente quelle pesanti, non tracciano così tanto come quelle più sabbiose e agglomeranti.

Sfortunatamente, in particolar modo con lettiere agglomeranti, ci sarà sempre un po’ di tracciamento. Alcune lettiere tracciano meno di altre, ma ripeto ci sarà sempre qualche granello in giro. Finché utilizzi l’aspirapolvere regolarmente, questo problema non sarà così visibile.

Come passare facilmente da una lettiera ad un’altra?

Proprio come per il cibo, è importante cambiare anche tipo di lettiera. Cambiare una lettiera agglomerante in un’altra agglomerante è generalmente più semplice in quanto queste presentano la stessa texture. I gatti sentono il cambiamento camminandoci sopra. Per questo motivo prenditi un’intera settimana per introdurre la nuova lettiera.

Consiglio di pulire bene la cassetta e di mettere sul fondo piccole quantità della nuova lettiera per poi mettere quella classica in cima. Quando il gatto scava, mischierà le due lettiere da solo. Scoprirà la nuova lettiera che c’è al di sotto di quella vecchia, cosa che però non lo infastidirà.

Ogni giorno o giù di lì, pulisci la cassetta, assicurandoti di aggiungere gradualmente quella nuova. Anche dopo la transizione completa non buttare via quella vecchia, se la transizione ti sembra un po’ troppo veloce sentiti libero di aggiungere un po’ di quella vecchia. Verso la fine della settimana dovresti aver completato il cambiamento.

Perché il gatto non vuole cambiare lettiera?

Alcuni gatti sono sensibili al cambiamento, mentre altri sono più accomodanti e si adattano facilmente. Tutti gli animali hanno delle preferenze. Ci sono gatti che preferiscono un tipo di lettiera rispetto ad un altro. Se il tuo gatto ha una sua preferenza e cambi la lettiera troppo velocemente, potrebbe smettere di utilizzare la cassetta. Con i gatti esigenti, cambiare lettiera troppo velocemente può affondare le tue speranze di un cambiamento liscio come l’olio.

Una transizione lenta è la cosa migliore per un gatto esigente. Più lenta è, più sono le possibilità che il gatto l’accetti. Sfortunatamente alcuni gatti non accettano nessun tipo di cambiamento, non importa come o quando. Se questo è il caso, potresti essere incastrato nel continuare ad usare la lettiera che tanto amano. Dipende tutto dal gatto.

Gli attrattivi per gatti sono un’opzione che può delle volte può aiutare, ma non c’è nessuna garanzia che il gatto alla fine di tutto amerà la sua nuova lettiera. Se nulla sembra funzionare, semplicemente restituisci il prodotto. Consiglio questi spray ai padroni che hanno provato diverse modi che però non hanno funzionato. Questi spray possono andar bene anche per quelle persone che vogliono iniziare con il piede giusto, attraendo già da subito il gatto alla nuova lettiera.