Come scegliere la borsa da donna

La borsa è un accessorio davvero fondamentale per una donna e sceglierla, parliamoci chiaro, non è semplice. Quando si è chiamate a scegliere una borsa bisognerebbe comportarsi come se si dovesse scegliere un paio di scarpe.

Ora, sia che la si usi per il lavoro, sia che la si usi per uscire o per le serate di gala, la borsa è molto più di un accessorio, deve essere utile e pratica. Per questo nella sua scelta bisogna guardare non solo all’estetica ma anche alla praticità. Ma allora quali sono i migliori consigli da dare ad una donna per aiutarla a scegliere la borsa perfetta per i suoi gusti e le sue esigenze?

Lo abbiamo chiesto a Mary D’Ostilio, titolare del sito https://www.leborsedimary.it/.
La borsa perfetta deve essere comoda, ergonomica, pratica, deve essere bella e sposarsi ai gusti ed alle esigenze di chi la porta. In una parola, deve farci sentire a nostro agio. Ecco perché non bisognerebbe mai correre nell’errore di acquistare “a colpo d’occhio” una borsa che ci ha conquistate. Prima bisogna provarla, come si fa con un vestito, come faremmo con un paio di scarpe. A volte dopo aver provato un accessorio ci accorgiamo che su di noi non sta effettivamente così bene e quindi ci sentiamo a disagio.

Quindi se volete acquistare una borsa in modo intelligente, ecco i consigli utili.

Acquistare una borsa: cosa tenere da conto

In primo luogo, dovete riflettere: quella borsa mi serve per…? Una serata, mi serve per uscire la sera, per andare all’università, per andare al lavoro tutti i giorni. Certo, una borsa potrebbe piacervi e basta, anche se non risulta particolarmente utile, ma se volete farvi un regalo ben ponderato, allora tenete conto di tutte le esigenze che quella borsa dovrà soddisfare. Se vi serve per andare all’università, allora magari preferite una maxiborsa con uno spazio per il pc e per i libri. Se volete una borsa per lo shopping, è sufficiente un bauletto che contenga portafoglio e smartphone. Se invece vi serve per il lavoro, dovranno entrarci anche i progetti, i fogli, e magari un paio di scarpe da riserva. Sono tutti calcoli da fare per non sbagliare la misura.

In secondo luogo, la borsa deve adattarsi al corpo. Se siete molto basse e non mettete i tacchi, allora scordatevi una borsa a tracolla magari di grandi dimensioni: non farebbe altro che “tagliare” a metà la vostra immagine rendendovi tozze. Potete optare per un bauletto o una borsetta a spalla. Se siete molto alte ma molto magre, la maxi borsa potrebbe non starvi affatto bene. Insomma, cercate di valutare anche tenendo conto del vostro fisico.
Le donne piccole e basse sembrano più slanciate con borse piccole; le donne alte e magre stanno meglio con borse di forme tonde.

La qualità della borsa è un fattore a parte ma ovviamente molto, molto importante. Sareste disposte a spendere poche decine di euro per una borsa che fra qualche mese sarà slabbrata, rovinata, rugosa? Immagino sia meglio spendere qualcosa di più ed ottenere una borsa di qualità, che duri almeno due anni e che possa servire per un po’ di tempo… fino al prossimo acquisto.

Le borse di scarsa qualità in genere sono dotate di tasche inutili, perché troppo piccole o grandi; le cinghie non sono regolabili all’altezza che si preferisce; i materiali sono di scarsa qualità e non hanno un buon odore; sono in genere un po’ pesanti e alla fine non sono neppure regalate, per quanto riguarda il costo. Meglio investire sulla qualità, e prima di comprare controllate che non ci siano fili pendenti, cerniere inceppate e cinghie cucite.